La Trama del Matrimonio – Jeffrey Eugenides

Le Vergini Suicide, ve le ricordate tutti le sorelle Lisbon, vero?

Bene, io no. O perlomeno, non come dovrei visto che ho letto quel romanzo un anno o al massimo due anni fa e non mi è rimasto impresso niente se non l’ovvio.

10857875_918214674870400_1997934983922661386_n

Ma io demordo molto difficilmente ed un romanzo non proprio memorabile (per me, per me, ok? Lo so che ci sono dei grandi fan di Eugenides tra i lettori) non mi convince ad abbandonare un autore.

Il plot de La Trama del Matrimonio non è assolutamente esplosivo, non c’è niente di mai letto; prendete Un Giorno di Nicholls o Scrivimi Ancora di Cecelia Ahern, elevatelo da semplice romanzo rosa di intrattenimento a profondo romanzo esistenziale per un pubblico acculturato e infarcitelo di riferimenti austeniani e agostiniani: ecco l’ultima opera di Eugenides. Sia chiaro, non la considero una critica, anzi, è piacevole lasciarsi avvolgere da un intreccio amoroso che non scade nei banali cliché del lieto fine a tutti i costi (come se quello di One Day potesse essere considerato tale) e della friendzone a vicenda, ma i personaggi di questo romanzo sono riusciti ad irritarmi più che ad emozionarmi, i loro fili rossi, ingarbugliati come un gomitolo di lana dopo che ci ha giocato un gatto, si dipanano in maniera crudele e, anche se è apprezzabile il realismo delle scelte, alla domanda di Mitchell, che chiede alla donna della sua vita “Pensi che potrebbe andar bene? Che potrebbe essere un buon finale?” 

ATTENZIONE, SPOILER.


io, da inguaribile romantica, non posso far altro che mormorare uno sconsolato no e voltare pagina trovandomi davanti solo i dovuti ringraziamenti dell’autore.

Leggendo testi sulle religioni, le religioni del mondo in generale e il cristianesimo in particolare, era giunto alla conclusione che i mistici dicevano più o meno tutti la stessa cosa. L’illuminazione nasce dall’estinzione del desiderio. Il desiderio non porta all’appagamento ma a una sazietà temporanea, che dura fino all’arrivo della tentazione successiva. E questo solo se eri abbastanza fortunato da ottenere ciò che volevi. In caso contrario passavi la vita a desiderare senza essere corrisposto.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...